Home » Evidenza » Grest all’insegna dello sport con il CSI

Grest all’insegna dello sport con il CSI

Grest all’insegna dello sport con il CSI

Anche quest’anno il CSI cremonese, come già avvenuto in via sperimentale la scorsa estate, ha messo a disposizione due istruttori sportivi per le attività negli oratori durante il Grest.

Andrea Benna e Federico Mussini, due giovani, laureato il primo e laureando il secondo in Scienze Motorie, hanno collaborato con gli oratori cittadini di Cristo Re e di S.Antonio Maria Zaccaria, e con quelli di Antegnate, Casalbuttano, Casirate, Cavatigozzi, Fengo, Grumello e Vescovato e con l’Isolano di Isola Dovarese.

Abbiamo chiesto di raccontarci un po’ la loro esperienza, che per Andrea era la seconda visto che aveva già “sperimentato” questo tipo di attività durante il Grest dello scorso anno.

Hanno lavorato con bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie e collaborato con i giovani animatori dei Grest, quindi con le fasce di età che, in questo lungo periodo di lockdown, chiusure e restrizioni, hanno pagato di più dal punto di vista della socialità, emotività, benessere fisico e psicologico.

Le attività proposte spaziavano dagli sport di squadra più tradizionali, come calcio, pallavolo, basket e rugby, alle attività individuali di tennis tavolo o ai percorsi di atletica o ai giochi della tradizione, insomma un mix all’insegna di una multisportività che caratterizza un po’ la proposta che il CSI fa per queste fasce di età.

Sicuramente è emerso un grande entusiasmo e voglia di divertirsi e riappropriarsi degli spazi che per un tempo troppo lungo hanno dovuto abbandonare: “li abbiamo trovati vogliosi di mettersi in gioco e di giocare tanto tra di loro, si sono rivisti lo spirito di gruppo, l’incoraggiamento dei propri compagni di squadra per raggiungere l’obiettivo del gioco proposto e chiaramente tutto questo è stato bello sia per noi che per loro” – ci dice Andrea. “I ragazzi erano sereni e disponibili a partecipare alle varie attività, con una gran voglia di sfogarsi attraverso i giochi e gli sport proposti” – aggiunge Federico.

Ora stiamo guardando a settembre, all’apertura della nuova stagione sportiva, con la speranza di poter ripartire in maniera un po’ più strutturata, anche se ci sono ancora diverse incognite. Sicuramente il fatto che molte persone siano vaccinate ci rende più fiduciosi e speranzosi, ma certo bisogna tenere alta la guardia perché non siamo ancora usciti da questo “tunnel pandemico”. Anche i due animatori sperano che le cose vadano meglio e soprattutto “si possa tornare a far giocare i ragazzi nella maniera più varia possibile, così da ampliare le loro conoscenze dei vari giochi e le loro capacità motorie”.